martedì 23 agosto 2011

Sapori della Costiera Amalfitana

Questa estate ho fatto un pellegrinaggio a Cetara in Costiera Amalfitana, luogo sacro delle alici e del tonno, dove si produce la mitica colatura di alici. Qui, dopo un giro di shopping nel negozio Delfino (dove ho preso colatura, alici marinate e una salsa di tonno spalmabile) ho cenato in un bel locale: La Cianciola. In ricordo di questo viaggio, ho replicato una ricetta che ho scovato proprio sul sito del ristorante.
Dunque, appena tornato a Milano, sono andato al mercato di Papiniano all’ora di chiusura dove mi sono procurato a prezzi stracciati delle mazzancolle, un pezzo di zucca, due mazzetti di rucola. Ed ecco in quattro e quattr’otto il segreto dei paccheri alla Costiera.
Ingredienti per 2 persone:
200 g di paccheri (o rigatoni, o “calamari”)
400 g di gamberi (o mazzancolle)
400 g di zucca
Un mazzetto di rucola
4 cucchiai di besciamella
Mezzo bicchiere di vino bianco
1 spicchio di aglio, sale, olio extra vergine di oliva
Preparazione
Pulite i gamberi o mazzancolle in questo modo: eliminate il carapace e le zampe, lasciando la testa attaccata al corpo. Incidete il dorso ed eliminate il filo nero.
Rosolate l’aglio in padella con l’olio d’oliva. Aggiungete i gamberi e schiacciate le teste in modo da far uscire tutto il sugo rosso (non pensavo che quei crostacei avessero tanto cervello). Aggiungete il vino bianco e a fiamma alta lasciatelo sfumare. A questo punto separate tutte le teste e buttatele. Poi aggiungete la zucca tagliata molto fine, in modo da velocizzare la cottura. Aggiungete il sale e le foglie di rucola. Aggiungete la besciamella, poi coprite la padella e di tanto in tanto girate il sugo. Quando la zucca sarà sciolta e tutto sarà amalgamato, il vostro sugo è pronto.
Cuocete la pasta in molta acqua salata, scolatela al dente e unite i maccheroni in padella. Versate un filo d’olio e saltateli, facendo in modo che il sugo raggiunga tutti gli anfratti e le cavità della pasta. Servite e aggiungete delle foglioline di rucola cruda sul piatto.
Beveteci sopra un bel vino bianco freddo, magari un Vermentino di Sardegna.

2 commenti:

Delfino Battista ha detto...

Grazie per la citazione sul tuo Blog!
Se hai apprezzato la nostra colatura di alici ti invitiamo a visitare il nostro nuovo sito dove puoi ordinarla telefonicamente o via mail e riceverla comodamente a casa tua senza un minimo d'ordine. Trovi tutte le info qui:
www.delfinobattistasrl.it/home/la-colatura

pesce in rete ha detto...

Grazie a te per la segnalazione! Adesso inserisco il tuo nuovo sito (è fatto molto bene, tra l'altro, complimenti) tra i miei preferiti. Ciao e a presto!

Posta un commento