lunedì 5 settembre 2011

Cozze alla pecorina

- E le cozze come le te fai?
- Alla pecorina.
Ci sono delle ricette che hanno in sé un’ironia involontaria. La pasta cozze e pecorino è una di queste. Diciamolo: la cozza è un alimento spesso bistrattato, poco valutato, perfino in pescheria ve le danno via per poco e niente. Eppure, basta poco per fare con le cozze dei piatti strepitosi. Adesso vi racconto una ricetta economica ma molto gustosa. Ecco la pasta cozze e pecorino, o cozze alla pecorina.
Ingredienti per 2 persone:
200 g di pasta corta (calamarata)
800 g di cozze
200 g di pecorino sardo
10-12 pomodori datterini, piccoli e dolci
Un mazzetto di prezzemolo
Un pezzetto di peperoncino
3-4 foglie di alloro
Pepe nero tritato
7-8 foglie di basilico
Mezzo bicchiere di vino bianco
3 spicchi di aglio, sale, olio extra vergine di oliva
Preparazione

A parte il pecorino originale sardo (che ha viaggiato in valigia da Cagliari fino a me), ho preso tutti gli altri ingredienti all’Esselunga. Le cozze sono già più o meno pulite (bisogna comunque “smerigliarle” un po’ con una spugnetta metallica), costano un po’ di più (3,50€), ma si risparmia un sacco di tempo.
Dunque, ho grattugiato tutto il pecorino. Ho messo in una pentola abbondante olio e ho fatto rosolare due spicchi d’aglio e le foglie di alloro. Ho poi buttato dentro le cozze pulite e ci ho tritato sopra il pepe nero. Quasi subito ho aggiunto il vino bianco e ho chiuso la pentola con un coperchio. Dopo qualche minuto le cozze si apriranno: togliete la pentola dal fuoco e con una schiumarola separate le cozze dal sughetto che rimarrà nella pentola. Filtrate il sugo delle cozze e tenetelo da parte per amalgamare il sugo di pomodori con il pecorino.
Pulite le cozze dai loro gusci e lasciatene solo 6-8 col guscio per decorare i piatti.
Ora prepariamo il sugo. Tagliuzziamo i pomodorini in modo molto fine. Poi rosoliamo uno spicchio d’aglio e un pezzetto di peperoncino nell’olio in padella. Uniamo i pomodori e cuociamoli per alcuni minuti. Uniamo dunque le foglie di basilico, il 60% del pecorino grattugiato e diversi cucchiai di sughetto delle cozze, e amalgamiamo tutto con il cucchiaio di legno.
Togliamo dal fuoco et voilà: il grosso è fatto e la nostra “mise en place” è pronta.
Adesso cuociamo la pasta in molta acqua, ma non troppo salata (il sugo delle cozze è infatti già molto salato). Quando la pasta è ben al dente, scoliamola e buttiamola in padella. A questo punto uniamo il resto del formaggio e il prezzemolo tritato. Ancora un filo d’olio, accendiamo la fiamma e teniamola bassa, giriamo quindi con il cucchiaio per far entrare il sugo in tutti gli anfratti della nostra pasta.
Servite in tavola e buon appetito! Potete accompagnare il piatto anche con vino rosso.
Cos’altro dire? Questo è il bello delle cozze: sono facili e ti fanno godere come un porco.

Nessun commento:

Posta un commento