venerdì 15 giugno 2012

Cozze all'arrabbiata

È arrivato il tempo delle cozze. Festeggiamo con una ricetta facile e gustosa, per palati smaliziati e abituati ai gusti forti. Le cozze all’arrabbiata celebrano il riuscitissimo connubio tra frutti di mare e frutti della terra. Il sapore forte e il sale delle cozze incontrano le fragranze di sedano, prezzemolo, pomodori e peperoncino.

Ingredienti per 2 persone:
1 kg di cozze
1 barattolo di polpa di pomodoro a pezzetti (400 g)
2 coste di sedano
3-4 ciuffi di prezzemolo
1 peperoncino
2 spicchi di aglio
Olio extravergine d’oliva

Preparazione
Le cozze all’arrabiata altro non sono che una zuppetta di cozze molto piccante. Cominciamo col preparare il sugo. Potete usare direttamente una pentola bella grossa, la stessa in cui alla fine metterete anche le cozze. Dunque: schiacciate due spicchi d’aglio sul fondo della pentola, versate una bella quantità di olio, facciamo 4 cucchiai, via. Tritate le due coste di sedano e mettetele in pentola. Adesso accendete il fuoco e fate un bel soffritto.
Intanto lavate il prezzemolo, asciugatelo con un panno da cucina o dei tovaglioli di carta, e tritatelo finemente. Tenetelo da parte per aggiungerlo più tardi. Adesso versate la polpa di pomodoro in pentola, unite un peperoncino (o mezzo, se siete sensibili) e alzate leggermente la fiamma. Cuocete il sugo fino a farlo ritirare leggermente.
 
È il momento delle cozze. Fatele aprire in una pentola o in padella. Non appena sono aperte, separatele dall’acqua che avranno rilasciato.
Filtrate l’acqua con un colino e versate sia l’acqua che le cozze nel sugo di pomodoro.
Aggiungete adesso tutto il prezzemolo tritato. Alzate la fiamma e con un cucchiaio di legno amalgamate le cozze con il sugo.
Non cuocetele troppo, questa operazione serve solo a scaldare il tutto prima di servire in tavola. Il sugo deve essere bello liquido, con una consistenza anche vagamente "brodosa". Infatti è una zuppetta, e la morte sua è mangiarla coi crostini o comunque inzuppando il pane nel sughetto. 

Abbondate col vino per spegnere i fuochi del peperoncino e buon appetito!

1 commento:

Anonimo ha detto...

YUMMM! Devono essere eccezionali!

Bravo Paolo!

Stefano

Posta un commento