mercoledì 29 ottobre 2014

Seppia al sesamo con ripieno di gamberi e cozze

Questa ricetta potete farla anche con i calamari o con i totani. La seppia ha una particolarità: quando si toglie l'osso, al suo posto resta uno strato sottilissimo di pelle che inevitabilmente si romperà nel forno. Quindi con la seppia bisognerà fare molta attenzione a chiuderla bene prima di cuocerla.

Ingredienti per 2 persone:
Seppia da 1kg
200g di gamberi
200g di cozze
Pane grattugiato
Semi di sesamo
Vino bianco secco (mezzo bicchiere)
Pepe, prezzemolo ed erbe aromatiche varie (a scelta)
Aglio, olio extravergine di oliva, sale

Preparazione
Pulite la seppia svuotando la testa e togliendo l'osso. Tagliate i tentacoli a pezzettini piccoli (circa 1cm).
Pulite i gamberi (freschi o decongelati) eliminando il carapace e incidendoli nel senso della lunghezza sulla schiena in modo da eliminare il filo scuro. 
Fate aprire le cozze in una pentola o in padella con un po' di olio, uno spicchio di aglio e spezie varie a vostra scelta. Vanno bene il prezzemolo, l'alloro, il timo, il pepe. Se vi piace, aggiungete anche del vino bianco alle cozze.
Fate rosolare in padella i tentacoli a pezzettini con olio e aglio, aggiungendo del vino bianco. Fate sì che  non si asciughino troppo. Intanto pulite le cozze eliminando i gusci e filtrate l'acqua che hanno rilasciato (ci servirà per l'impasto e per la cottura in forno).
Lavate e tritate il prezzemolo molto finemente. Prendete una quantità abbondante di semi di sesamo e del pane grattugiato.

Preparate l'impasto con le cozze, i gamberi (interi o a pezzetti), il pan grattato, il prezzemolo, del pepe macinato, un filo d'olio, i semi di sesamo e un po' di sughetto delle cozze. Amalgamate tutto fino a farne  un impasto abbastanza compatto.
Adesso viene il bello: riempite la seppia senza arrivare fino all'orlo. Vi conviene usare le mani invece del sac à poche, perché i pezzi di gamberi e cozze potrebbero creare un tappo nella sacca.
Richiudete la seppia con degli stuzzicadenti, o degli spiedini di metallo. Come vedete in foto ho richiuso solo la parte superiore della seppia, ma è meglio chiuderla anche in lunghezza seguendo la linea dell'osso in modo da non farla aprire durante la cottura.
Mettetela in una pirofila e infornate a 190°-200° per un tempo variabile da 30 a 40 minuti. Bucherellate spesso la seppia con uno spiedino per evitare che il calore la faccia esplodere. Aggiungete il sughetto delle cozze e bagnate spesso la seppia per farla insaporire e per tenerla umida durante la cottura.
A cottura ultimata, servitela su un piatto e affettatela. Forse queste foto non rendono giustizia, e sicuramente si può fare di meglio, visto che la mia seppia si è sfasciata durante la cottura. Ma vi assicuro che la combinazione seppia-gamebri-cozze-sesamo è una bontà indescrivibile. Non vi resta che sperimentare e...
... buon...
... appetito!

Nessun commento:

Posta un commento