mercoledì 5 settembre 2012

Spaghetti bottarga e vongole


Come trasformare un piatto semplice e gustoso in un abisso di piacere e lussuria per la gola? Aggiungete un po’ di ottima bottarga al classico “spaghetto a vongole” e avrete qualcosa che ricorderete a lungo. Questo piatto si chiama spaghetti vongole e bottarga, o bottarga e arselle, come lo chiamano in Sardegna: terra di grandi sapori e ricette dove trovo sempre nuovi spunti culinari.


Ingredienti per 2 persone:
500 g di vongole
Un pezzettino di bottarga
200 g di spaghetti
2-3 rametti di prezzemolo
Pepe bianco macinato
Una tazzina di vino bianco
Olio extra vergine di oliva e sale

Preparazione
In questi giorni all’Esselunga ho trovato una confezione da mezzo kg di vongole veraci (allevate a Goro, quindi di ottima qualità) a un prezzo molto conveniente. Avevo da parte una bottarga Oro di Cabras e non vedevo l’ora di provarla. E quindi su consiglio della mia donna ho unito le due cose.
Dunque, mettete le vongole in acqua salata per 2 o 3 ore. Poi risciacquatele per eliminare eventuali residui di sabbia.


Tritate finemente il prezzemolo. Abbondate con la quantità ché il prezzemolo qui ci sta benissimo.


Prendete la bottarga, tagliate la quantità che vi serve (regolatevi sia in base alla foto che in base ai vostri gusti) e togliete la pellicina prima di grattugiarla.




Adesso che l’avete grattugiata vi toccherà pulire bene la grattugia: armatevi di pazienza e tanto sapone!


Tritate finemente i due spicchi di aglio, preferibilmente con lo schiaccia-aglio, o come si chiama. Scaldate un filo abbondante d’olio in padella e rosolate l’aglio.




Versate le vongole in padella, coprite con un coperchio e cuocete a fiamma medio-alta per 2 minuti.




Finite la cottura togliendo il coperchio e aggiungendo un po’ di vino bianco e del pepe bianco macinato.


Altri 2-3 minuti e le vongole dovrebbero essere tutte aperte. Adesso separate le vongole dal loro sughetto con una schiumarola. Filtrate il sughetto con un colino a maglia fine e rimettete le vongole in padella insieme al sughetto filtrato.


Scolate la pasta molto al dente, magari due minuti prima del tempo di cottura indicato sulla confezione.



Adesso, udite udite, aggiungiamo la pasta in padella e alziamo la fiamma al massimo. Prendete una manciata di cubetti di ghiaccio e buttateli in padella con tutto il resto. Il ghiaccio (insieme al movimento del "salto") provocherà uno shock termico che servirà a far staccare l’amido dalla pasta. E questo farà sì che si formi una cremina da leccarsi i baffi.


Aggiungete adesso il prezzemolo tritato con metà della bottarga grattugiata e saltate energicamente la pasta in padella. Sul bordo della padella si può notare la crema: è il sughetto (acquoso) delle vongole che si è legato con l’amido.


Impiattate e versate il resto della bottarga sulla pasta. Buon appetito e buon divertimento!


Nessun commento:

Posta un commento